71esimo anniversario

1° DICEMBRE 1944 – 1° DICEMBRE 2015

Martedì 1° dicembre, alle ore 11, presso la chiesa parrocchiale in Villalvernia, sarà celebrata una Santa Messa di suffragio dal Vescovo di Tortona, S.E. Mons. Vittorio Viola. Al termine della funzione religiosa l’Amministrazione Comunale deporrà una corona di alloro ai piedi della lapide in memoria, posta a fianco dell’ingresso della chiesa parrocchiale.

Annunci

Celebrazioni del 70° Anniversario bombardamento su – Comune di VILLALVERNIA AL

Celebrazioni del 70° Anniversario bombardamento su – Comune di VILLALVERNIA AL.

Anniversario del bombardamento del 1° dicembre 1944

Mercoledì 1° dicembre, presso la chiesa parrocchiale “S. Maria Assunta” di Villalvernia, alle ore 10,30 sara celebrata una S. Messa in suffragio dei caduti del tragico bombardamento aereo che 66 anni fa colpì il paese. Al termine della funzione religiosa verrà deposta, a cura dell’Amministrazione Comunale, una corona d’alloro ai piedi della lapide commemorativa fuori dalla chiesa.

La locandina

1953 – Il passaggio da Villalvernia a Pozzolo Formigaro

Tratto da “Puteolus Fornuce”
La storia di Pozzolo Formigaro e de li cascinotti delle Bettole scritto da Giacomo Martini

1953 – Il passaggio da Villalvernia a Pozzolo Formigaro.

Dopo i reiterati tentativi compiuti dalla maggioranza degli abitanti della frazione, finalmente nell’immediato dopoguerra giunge a compimento l’agognato desiderio di cambiare la giurisdizione territoriale. Nella seduta del 23 novembre 1946 il Consiglio Comunale di Pozzolo Formigaro, presieduto da G.B. Palenzona, esamina l’istanza presentata da 50 capifamiglia di Bettole di Pozzolo con cui si chiede la loro aggregazione al comune di Pozzolo. Le ragioni addotte al fine di ottenere il parere favorevole “sono molteplici, legittime e importanti”; così si legge nel verbale della riunione, steso dal Segretario Comunale, Rag. Erminio Mantelli.
In primo luogo i consiglieri devono considerare che la frazione è nettamente separata da Villalvernia, il comune capoluogo, da cui dista circa 3 chilometri. Una barriera naturale divide i due centri abitati ed è costituita dal torrente Scrivia, largo circa 400 metri e non attraversato da ponte. Il passaggio da una sponda all’altra del corso d’acqua è sempre malagevole e diviene addirittura impossibile nel periodo delle piene e durante la stagione invernale. La popolazione pertanto si trova completamente isolata, gravata di tutti gli enormi disagi che questo stato di cose comporta. Continua a leggere

Villalvernia prima del tragico bombardamento aereo del 1° dicembre 1944

Proviamo ora, facendo un lungo passo indietro nel tempo, a ricordare com’era la vita di questo paese, con brevi cenni sui luoghi e le persone, proprio fino a poco prima che fosse colpito al cuore da una pioggia di bombe devastanti.
Siamo a Villalvernia, è il 1944, questo è uno dei tanti paesi della provincia d’Alessandria.
La vita scorre tranquilla come lo può essere per l’epoca di cui andiamo scrivendo. In paese sono numerose le attività lavorative.
C’è la macelleria di Ugo Canegallo, quella di Giacomo Ferretti – entrambe accanto alla chiesa parrocchiale – e quella di Renato Lorenzotti, lui aveva un negozio d’alimentari, macelleria e il peso pubblico (situati proprio dove oggi c’è l’attuale panetteria).
In via Cavour, c’è un negozio di alimentari, proprietari sono Luigi Capelletti e Maria Bisio; di fronte, c’è una rivendita di tabacchi, gestita da Paolo Grassi. Sulla Strada Statale, un piccolo negozio di alimentari, di Francesca e Romolo Ferrari.
La farmacista del paese era la signora Elsa Artana, aveva la farmacia poco oltre l’attuale rivendita di tabacchi.
In via Roma, c’era il negozio del parrucchiere Giovanni Parodi, nella stessa via, poco oltre, il consorzio agrario.
Accanto alla chiesa parrocchiale, in via Garibaldi, c’era la banca Cassa di Risparmio delle Province Lombarde.
Due erano le panetterie: quella di Carlo Ratti e quella di Teresio Ferrari, posta in fondo in via Cavour.
In via Passalacqua, la strada che porta verso le colline, c’era una rivendita di stoffa gestita da Angelo Persi; un altro negozio che vendeva merceria era gestito da Eva e Marina Arzani. Due erano i calzolai in paese: Ettore Terasconi era in via Cavour, mentre Adamo Roderico era in via Domenico Carbone.
Ancora una volta cito la chiesa parrocchiale, nella piazza antistante due bar, uno di Ugo Rapetti, l’altro di Eugenio Persi.
In via Domenico Carbone, Luigi Lorenzotti con un bar-ristorante. Alfonso e Giusto Lorenzotti con la loro carrozza a cavalli facevano, a richiesta, trasporto di persone.
C’era in paese anche la Società di Mutuo Soccorso, sita in via Roma – Presidente era Alessandro Canegallo – aperta quando erano organizzate feste danzanti, oppure, quando c’erano le rappresentazioni con i burattini. L’antica fornace dava da lavorare a molti, venivano anche dai paesi viciniori, era gestita dai proprietari, i fratelli Vanoni. Le altre attività lavorative erano svolte da ferrovieri, agricoltori, muratori.
Appena fuori del centro abitato era il mulino, gestito dai fratelli Campora; funzionava con l’acqua proveniente dalla roggia che dava la spinta alla ruota per sviluppare energia utile alla macinatura del grano e del granoturco. Oltre che dal paese, la gente proveniva anche dalla collina e dai paesi vicini per servirsi del mulino di Villalvernia.
L’ufficio postale era nei pressi del luogo in cui oggi si trova la locale stazione dei Carabinieri; Chiarina Pernigotti era la portalettere del paese.
Nei pressi della stazione ferroviaria c’era un fabbro, Mario Ricci.
Agostino Bisio faceva il falegname, accanto alla chiesa. Callisto Veronese aveva una segheria poco oltre la strada che svolta verso Novi Ligure, mentre Natale Bottazzi aveva una segheria e costruiva casse da morto.
Ci si divertiva anche giocando a calcio, il campo da gioco era in prossimità del torrente Scrivia.
La squadra locale faceva tornei amatoriali con i paesi vicini. I fratelli Carrega, Giuseppe Ratti, Ugo Canegallo, Carlo Ponta, Alfredo Borasi, Elio Favaro, Francesco Corana, Giuseppe Melone e Mario Cimento, questi i nomi degli “assi” locali, veri e propri fuoriclasse dell’epoca. Dove oggi c’è il piazzale del bar Romano, all’epoca c’erano i giochi delle bocce e una cappella votiva, la stessa che oggi si trova lungo la strada per Carezzano, al confine del paese.
In chiesa si festeggiava San Teodoro e la Madonna del Rosario facendo le processioni per le vie del paese con le relative statue. Insomma, Villalvernia, fino al 1° dicembre 1944, un paese tranquillo e laborioso, senza animosità evidenti.
Poi, quel giorno, verso le ore 14,10, dodici bombardieri pesanti, in tre ondate da sei bombardieri ciascuna, effettuarono sul paese un bombardamento a tappeto sganciando un’enorme quantità di bombe, causando 109 morti, 253 feriti, distruggendo 24 case danneggiandone gravemente 27 e lesionandone 57.
Ci domandiamo ancora oggi, a distanza di tanti anni, perché?

La scuola per l’infanzia di Villalvernia

La scuola materna statale di Villalvernia è una struttura di cui il Comune, ma in maniera più ampia, il paese intero può giustamente andare fiero. Dal 1997 la struttura è diventata proprietà del Comune. Fino ad allora era un Ente Morale, gestito da suore, appartenenti alle “Piccole figlie del Sacro Cuore di Gesù” di Sale, per quanto riguarda l’insegnamento e la gestione dell’asilo infantile – così veniva denominato fino ad allora –, e per la parte amministrativa da un Consiglio di amministrazione composto da un Presidente, un segretario e alcuni membri che ne facevano parte. Nella fattispecie, l’ultimo Presidente che ha gestito le sorti amministrative dell’asilo di Villalvernia è il dottor Domenico Marucchi, tuttora vivente, che ci piace qui nominare per la dedizione e l’attaccamento dimostrati negli anni in cui ha retto il Consiglio. Le suore poi, come non ricordare suor Giuseppina Benzi e suor Giuseppina Beccaro, le ultime due madri superiore che condussero con rigore, dimostrando attaccamento all’insegnamento dell’infanzia. E suor Rosa Mastrochirico, tuttora vivente, era diventata una colonna portante nella gestione dell’asilo per lunghi anni. Quanti ricordi per chi nel corso degli anni ha avuto modo di frequentare l’asilo prima delle scuole elementari. I ricordi più belli sono quelli dell’infanzia. L’asilo infantile di Villalvernia fu inaugurato nel lontano 1908 dopo che fu fatto erigere dall’ing. Rodolfo Bogliolo, e fu intitolato al figlio Mario, scomparso prematuramente. Alla parete esterna dell’edificio vi è una lapide con questa scritta: “PERCHE’ UN OPERA VOLTA AL BENE TRAMANDASSE MEMORIA DEL LORO PRIMO GENITO MARIO CHE DICIASETTENNE MORI’ QUANDO OGNI PIU’ BELLA SPERANZA RIPROMETTEVANO LA SUA ALTA INTELLIGENZA ED IL FERVORE DELLA SUA VITA QUESTO EDIFICIO ERESSERO E AD ASILO D’INFANZIA DESTINARONO I GENITORI NEL SECONDO ANNIVERSARIO DELLA SUA DIPARTITA MCMVII”, a ricordo. Dal 1997, come già detto, l’asilo infantile “Mario Bogliolo” è diventato scuola materna statale gestita dal Comune. Ora la scuola fa parte del Secondo Circolo Didattico di Tortona. La scuola materna è composta da un’unica sezione, frequentata da una ventina di alunni e due insegnanti si alternano nell’educazione dei piccoli; la refezione è gestita a cura del Comune tramite un contratto con una ditta esterna e grazie all’impegno di una cuoca che presta servizio presso la struttura. L’assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune, nella persona del cav. Ernesto Tizzone, si prende cura di questa istituzione con vera dedizione intervenendo con lavori di ristrutturazione e manutenzione dell’edificio sia interno che all’esterno.