STORIA, ARTE E TRADIZIONI

L’epoca di fondazione di questo comune, che allora si chiamava semplicemente Villa, è anteriore al X secolo. Nel 1157 il pontefice Adriano IV ne concesse una metà in feudo al vescovo di Tortona, che i suoi successori provvidero a munirlo di solide fortificazioni e di una torre. Il 30 maggio 1413 Filippo Maria Visconti ne concede l’investitura a Guglielmo di Alvernia; è in questo tempo che al nome di Villa si aggiunge quello di Alvernia. Una donna di casa d’Alvernia sposata ad un Ottone Spinola, e senza eredi maschi vendette il feudo a Claudio Spinola nel 1652. Questo feudo ebbe poi il titolo marchionale da Filippo IV di Spagna. Nel 1688, il feudo fu acquistato dai Passalacqua, nobile famiglia benemerita di Tortona. Fra i personaggi più illustri della nobile famiglia, il generale Giuseppe Passalacqua, che morì sul campo di battaglia a Novara il 23 marzo 1849. Dopo la restaurazione sabauda nel 1818 il paese divenne capoluogo amministrativo di mandamento, comprendente i comuni dell’antico Vescovato. Il palazzo comunale fu edificato alla fine del XIX secolo: al suo interno si conserva il busto del sindaco Felice Bogliolo. Durante l’ultima guerra mondiale il paese, allora centro e deposito ferroviario di una certa importanza, visse una delle pagine più tragiche della sua storia, per il massiccio bombardamento alleato del 1° dicembre 1944, che causò, oltre ad ingenti danni, 114 morti e 253 feriti tra la popolazione civile. Nell’ottobre del 2006 il paese fu insignito di Medaglia d’Argento al Merito Civile.

Annunci

Pubblicato il 13 ottobre 2008, in Redazione con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: